Il Coro

L’Associazione Culturale “Bachis Sulis” di Aritzo si é costituita nell’anno 1985 e porta avanti un’opera di ricerca e di recupero del patrimonio culturale aritzese. Componente integrante di questa Associazione é l’omonimo Coro che ovviamente cura con particolare attenzione la conservazione e la divulgazione della musica popolare della Barbagia ed in particolare di Aritzo.
Il Coro “Bachis Sulis” é nato per iniziativa di un gruppo di amici amanti del canto tradizionale. Il Coro prende il nome dal poeta vernacolo Bachisio Sulis nato e vissuto ad Aritzo dal 1795 al 1838. La sua esistenza fu contrassegnata da vicende tormentate che lo videro costretto alla latitanza sui monti del Gennargentu per ben 12 anni poiché accusato, pare ingiustamente, di aver ucciso un componente di una delle più distinte famiglie del luogo. Questo fatto segnò la sua vita tanto che a soli 43 anni venne assassinato una sera all'imbrunire. Ancora oggi Bachis Sulis viene ingenerosamente ricordato come “il poeta-bandito” ma, la vera storia del poeta, è  sicurametne un'altra costellata di tragiche e sfortunate vicende. La vera colpa del Bachis Sulis fu quella di essere una persona istruita (fu maestro elementare)  fortemente critico col potere e impegnato nel sociale. Questo suo interesse per le classi sociali più disagiate, gli procurò numerosi problemi che lo portarono indirettamente alla morte. 
Il Coro “Bachis Sulis” è diretto dal maestro Michele Turnu e, ha al suo attivo innumerevoli e significative esperienze in campo regionale, nazionale ed internazionale. Il coro ha avuto modo di esibirsi nelle maggiori rassegne corali regionali, ha partecipato a diversi incontri con i più noti Cori di canti nazionali della montagna e, ha sperimentato nuove forme di canto nel tentativo di avvicinare il tradizionale-popolare con la musica classica e lirica. A tale riguardo ricordiamo alcuni concerti eseguiti con noti cori regionali Collegium Kalaritanum, Nuova Armonia, Polifonica Arborense, Santa Cecilia di Sassari, Orchestra Internazionale sarda, Studium Canticum.
Il coro annovera nel suo  curriculum varie esibizioni sulle tre emittenti nazionali della RAI e su varie emittenti regionali. Annotiamo, tra le tante, la partecipazione ad Oristano al concerto tenutosi nel teatro Garau in occasione della Sartiglia 2006 e le esibizioni del Coro in occasione della Sagra di Sant’Efisio a Cagliari. Il coro sempre nella città di Cagliari si è esibito alla manifestazione “Solidarietà” nel prestigioso Teatro Lirico di Cagliari.
Tra le diverse esperienze non vanno dimenticate le numerose trasferte effettuate dal coro in Germania,  il Coro “Bachis Sulis” infatti si è esibito alla Fiera Turistica di Stoccarda per la radiotelevisione tedesca R.T.L,  in diversi altre città tedesche tra le quali citiamo Monaco,  Wolksburg, Berilino, Colonia,  Hulm, Koblenza , Augsburg, Lunemburg, Amburgo (invito dell’Istituto Italiano di Cultura con il patrocinio del Consolato Generale Italiano di Amburgo) . Tali esperienze hanno sicuramente arrichito il coro che, ha avuto modo di incontrare diversi conterrranei residenti in Germania e, ha potuto proporre i canti, gli usi e i costumi della nostra terra. 
Nel 2007, in collaborazione con l’ADMO Sardegna e l’AVIS tedesca, a Koblenza il coro si è esibito nella prestigiosa cattedrale di Colonia. 
Il Coro “Bachis Sulis” ha realizzato ad Aritzo la sua prima incisione di canti tradizionali con la musicassetta “Nadu m’han” nel giugno del 1994 presso la caratteristica chiesetta di S. Antonio dedicando questa iniziativa a tutti gli aritzesi che per vari motivi vivono lontani dal proprio paese, dalla propria famiglia, dalle proprie tradizioni. “Canto preghende” è la seconda incisione realizzata il 3 giugno 1995 in occasione del 250° anniversario della dedicazione della Chiesa Parrocchiale a San Michele Arcangelo che comprende esclusivamente canti religiosi della tradizione popolare aritzese.Una terza incisione “Fitzos de Barbagia “ è stata pubblicata nel 2003. Nel 2007 il coro ha presentato un altro lavoro dal titolo  “Ammentos e Ispera” che ha avuto il suo battesimo ufficiale in Aritzo il 16 agosto 2007 con la presentazione dei giornalisti Andrea Frailis e Giacomo Serreli e la partecipazione del Presidente Francesco Cossiga e del giornalista Tito Stagno. Nel 2011, in occasione del 25° anniversario dalla fondazione, è stato realizzato un doppio Cd "Istorias" contenente oltre 30 brani che raccontano in musica la vita del coro nei suoi circa trent'anni di attività.
Ma il fatto di cui il Coro “Bachis Sulis” va particolarmente orgoglioso è quello di essere stato prescelto quale “testimonial dell’ADMO Sardegna". Tutti i suoi componenti sono iscritti all'albo dei donatori di  questa Associazione.  A tale proposito ci piace sottolineare con un pizzico di orgoglio che, il paese di Aritzo, risulta il primo in Europa per la percentuale più alta di donatori ( n. abitanti/donatori). Nelle frequenti esibizioni, il coro Bachis Sulis promuove il messaggio e illustra le finalità  dell’ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo) nella speranza che l'opera di sensibilizzazioneporti sempre più consensi in seno all'associazione. In questo quadro di attività che lega il “Coro Bachis Sulis” all’ADMO si inserisce la trasferta del 2011 in Germania per una serie di prestigiosi concerti di beneficenza e di promozione socio-sanitaria a Koblenza, Cochem, Waldbreitbach e Colonia in collaborazione con il “Zentrales Institut des Sanitatsdienstes der Bundeswher”, la “Sparkasse Koblenz” , la “Deutsche Thalassamiehilfe e. V.”, l’Esercito tedesco e la Clinica universitaria di Colonia. Va pure segnalata con particolare soddisfazione l’entusiastica partecipazione del Coro “Bachis Sulis” negli anni scorsi al Convegno Regionale dell’ADMO Sardegna a Cagliari ed alla inaugurazione della sezione dell’Associazione stessa a La Maddalena. Il 2011 è stato per il coro un anno ricco di eventi. Ha infatti partecipato a numerosissime manifestazioni a livello nazionale e ha presentato il suo ultimo lavoro, un doppio CD intitolato  "Istorias". Nel mese di dicembre 2011 è stato rappresentante per la Sardegna al concerto di Natale "Concerto dei cori della Montagna" tenutosi a Roma in Montecitorio.
Il coro Bachis Sulis è fermamente convinto che attraverso il canto sia possibile promuovere e divulgare sentimenti di amore, amicizia e solidarietà.